Chiama Subito 

 

Seguici su facebook Seguici su Twitter

logow

Alla scoperta dell'Albania

Eccomi qua sul volo di rientro Tirana Malpensa, ancora fresco della mia esperienza albanese provo a mettere giù qualche pensiero.

Il viaggio è stato moto frenetico ed incalzante. Pochi giorni per vedere tanto, non solo come turista ma come venditore prima di tutto.

Iniziamo con il dire che quello che ho visto mi è piaciuto e da come stanno andando le cose tra 6 mesi sarà ancora meglio e tra un anno pure.

Una terra che solo 20 anni fa era martoriata dalla guerra civile e dalla povertà, ed oggi si sta sviluppando velocemente.

Ho visto Berat, piccolo centro nel cuore dell'Albania immerso negli uliveti, dominato dalle rovine del suo Castello e dal suo Villaggio Medioevale, quest'ultimo molto ben conservato.

Sono stato poi a Valona, e qua ho iniziato a rendermi conto degli sforzi enormi. L'intera cittadina si affaccia su una bellissima Baia dove le acque dell'Adriatico bagnano un'ampia spiaggia di sabbia.

Alle sue spalle si sta costruendo quello che sarà un magnifico lungomare delimitato da palme trentennali. (il tutto entro questa estate ovviamente) Qua ci sono infrastrutture nuove e ben attrezzate che fanno di Valona una splendida località di villeggiatura.

Il viaggio è continuato poi a Kruja piccola città di montagna di particolare interesse per l' antico Bazar la cui struttura originale è ancora oggi in condizioni perfette.

Ma veniamo alla Capitale, Tirana. Vi dirò.... mi è piaciuta, io non sono il tipo di turista a caccia di monumenti storici e luoghi di culto.

Mi piace vivere la città, passeggiare, ammirarne l'architettura, osservare le persone, vedere i vari negozi, una delle cose che faccio sempre è entrare in un supermercato per vedere cosa vendono sugli scaffali rispetto ai nostri.

I maestosi palazzi tipici dell'epoca fascista, alternati alle decadenti e fredde costruzioni del periodo comunista, il tutto contrapposto ad edifici modernissimi, crea una sensazione strana, che forse si può spiegare in questo modo:

Un paese uscito da anni di dittature, di cui porta ancora i segni, che sta crescendo dimostrandone la forte intenzione.....

Gli alberghi in centro sono belli e comodi, ma le camere fanno perdere qualche punto, vecchiotte e piccoline. Visto il costo contenuto dei taxi conviene spostarsi nelle zone fuori la città, nella parte commerciale (dove per altro ho visto centri commerciali enormi).

Qui abbiamo dei veri e propri Resort, in particolare quello che ho visitato io, il Te Stela ( Da Stella) accanto all'omonimo birrificio, è dotato di camere nuove con tutti i comfort e spaziose, ci sono due piscine da 25 metri interne ( beati loro che hanno la piscina coperta) ed una grande esterna, una palestra e non ultima una Birreria da 600 coperti che serve l'ottimo prodotto del vicino Birrificio accompagnando piatti della cucina tipica albanese dove la carne la fa da padrona. (costine di maiale alla griglia da provare assolutamente bevendo la loro birra Krudo)

Le cose da raccontare sarebbero ancora tante, e se vorrete passare in agenzia anche solo per fare due chiacchiere sono ben lieto di farlo.

Certo non sarete colti del solito effetto "erba del vicino", ma sicuramente apprezzerete lo spirito, la voglia e le possibilità che oggi queste persone hanno.

In un Bunker sito in pieno centro, ora museo,una frase a tutta parete di Primo Levi vi accoglierà......

"Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo"

il popolo Albanese sta facendo di tutto per non dimenticarlo ed andare avanti.

Ultima considerazione le persone, molto disponibili e cortesi, e non posso assolutamente non ringraziare con tutto il cuore l'amico Edmond (Grazie Miri per avermelo presentato) il quale mi ha dato modo di capire la sua cultura e la sua gente.......Grazie

........ah dimenticavo il Sindaco di Tirana ha 35 anni........

 

 

 

 

 

 

 

orari